Le città sono la forza trainante dell’economia – secondo McKinsey, solo 600 città contribuiscono al 60% del PIL mondiale – e si prevede che il numero di persone che vive in città aumenterà da 3,6 miliardi nel 2010 a 6,3 miliardi nel 2050.

In Italia, le prime 3 città – Milano, Roma e Venezia- rappresentano, da sole, oltre il 30% del PIL. Quali strategie devono adottare le città per pianificare, costruire e mantenersi al centro dell’innovazione e della crescita economica?

Carlo Leone, AEC Sales Manager Italia Iberia & Med di Autodesk, recentemente intervistato dalla nostra Redazione sul tema della (scarsa) diffusione del BIM in Italia ha scritto per noi una riflessione su come dovrebbero investire le città per il benessere economico e ambientale del futuro.

In particolare, quali strategie devono adottare le città per pianificare, costruire e mantenersi al centro dell’innovazione e della crescita economica?

I trend della progettazione per le città del futuro

Prima di discutere le strategie di investimento, vale la pena capire i motivi per cui le città sono cresciute nel corso degli ultimi 5.000 anni. In breve, è successo perché hanno adottato un modello economico incredibilmente produttivo e duraturo.

Il passaggio alla vita urbana permette di aumentare i redditi e il potere di acquisto di milioni di persone in tutto il mondo.

Per l’intero articolo vai qui